link contattaci area riservata
Profilo di una montagna friulana
Info

Indice sentieri

Info

Leggi i termini d'utilizzo

Nota
Per visualizzare correttamente le mappe è necessario che Google Earth sia installato sul proprio computer.

Google EarthScarica Google Earth


Sentieri

Sentieri 725 Stupizza-M. Matajur Rif Pelizzo

LocalitÀ di Partenza

Stupizza
Quota: 203 m

LocalitÀ di Arrivo:

Matajur Rif.Pelizzo
Quota: 1325 m

Caratteristiche

Durata: 4,35h
Difficoltà: EE
Discesa Accumulata: m 337
Ascesa Accumulata: m 1459
Lunghezza Reale: 9,8 km
tempi percorrenza

Scarica tracciati GPS

725 Stupizza-Matajur-Rif.Pelizzo MAX (gpx)

1 - 725 Stupizza-biv-ANA (gpx)

2 - 725 biv.ANA-Matajur-Rif.Pelizzo (gpx)

Tracciato Google (kml)

per scaricare i tracciati cliccare col tasto destro e scegliere "salva oggetto (o destinazione) con nome"

descrizione

clicca sulle foto per ingrandirle in modalità galleria

Prima di arrivare a Stupizza, al cartello segnaletico del paese, inizia sulla destra accanto ad una cabina elettrica il sentiero 725.

Per i primi 30 minuti il sentiero sale con continuità senza presentare particolari difficoltà; successivamente, si fa più ripido ed in caso di fondo bagnato diventa scivoloso. Lungo quasi tutto il percorso il sentiero si snoda all’ interno di faggete e di castagneti.

Dopo circa un ora e mezza, giungiamo vicino alla bella chiesa di S. Lorenzo (q. 861 m)

h 1.45

Mentre sulla destra passiamo vicino alle varie frazioni che compongono la borgata di Mersino alto.

Da questa posizione è visibile un bellissimo panorama sul monte Mia che ci stà di fronte.

 

Proseguendo verso la cima del m. Matajur lungo una comoda mulattiera, troveremo lungo il percorso diversi “kazoni” (h 3.00) che venivano utilizzate fino a qualche decina di anni fa dai paesani di Mersino per il pascolo estivo.

Al bivio della Marsinska Planina (q. 1401 m), h 3.30, bivacco ANA a destra lungo il "Sentiero naturalistivo M. Matajur" si raggiunge il Rifugio Pelizzoin 20 minuti.

A sinistra si sale alla cima del Matajur percorrendo prati dove troviamo altri 4 “kazoni” e un suggestivo laghetto naturale che serve per l’alpeggio.

 

Si prosegue sempre per prati fino a raggiungere il versante settentrionale dove il sentiero piega bruscamente a destra. Un tratto ripido facilitato da tornanti ed alcuni passamani in legno.

In breve si raggiunge la cima del Monte Matajur (m 1641), h 4.15, ampia e prativa, ospita una piccola cappella.

 

 

Spettacoloso panorama.

 

Dalla cima, un sentiero conduce verso Sud in venti minuti al rifugio Pelizzo (m 1320) , verso Ovest in pochi minuti al rifugio Dom na Matajure.

Dislivelli

clicca sul grafico per ingrandirlo

torna in cima

Sezione “Monte Nero” - Cividale del Friuli (Ud) - Via Carraria, 101 - Tel e Fax 0432 700096 - Note legali